Cosa devi fare per creare la camera da letto perfetta per il tuo bambino?

I figli crescono in un lampo e la necessità di organizzare un stanza tutta per loro si manifesta quasi subito. Zona letto, angolo svago e area studio rappresentano i tre elementi principali di una cameretta, dove riposare, giocare con gli amici e fare i compiti.

Per ottenere un risultato apprezzato sia dai genitori che dai piccoli di casa è opportuno considerare alcuni aspetti, che spaziano dalla gestione dei mq a disposizione fino al livello di praticità e comfort dei vari elementi, passando ovviamente per decorazioni, colore delle pareti e tipologia di mobilio.

Spazio e funzionalità.

Esistono tantissime varianti di “cameretta ideale” e questo può dipendere dai colori impiegati, dal personaggio dei cartoni preferito, dalla tipologia di gioco desiderata e così via. Ciò che non cambia è l’approccio alla gestione degli spazi, compito ovviamente dei genitori, magari affiancati da un arredatore di interni. È importante poi tenere conto della funzionalità, anche in proiezione futura.

Una camera da letto per un bambino di 4 anni sarà ovviamente differente rispetto a quella di un ragazzino di 10-12 anni. Quest’ultimo infatti si sta avvicinando all’adolescenza e avrà bisogni diametralmente opposti, come ad esempio un angolo per giocare con la propria console per videogiochi o un armadio più spazioso. Molto dipende anche dal budget a disposizione. Se quest’ultimo è limitato si può optare ad esempio per mobili trasformabili, che crescano con il bambino, come una scrivania che possa essere regolata in altezza.

Inoltre è sempre bene separare la zona destinata allo svago da quella pensata per lo svolgimento dei propri doveri di scuola, in questo modo il bambino focalizzerà la sua attenzione sui libri e non verrà distratto dai giochi in bella vista.

Decorazioni, comfort ed elementi d’arredo.

La camera dei bambini deve rispecchiare il più possibile la loro personalità, in questo modo ogni volta che vi cercherà rifugio o la utilizzerà per studiare e giocare, si sentirà perfettamente a proprio agio. Spazio quindi all’immaginazione, tenendo conto dell’età del bambino (o bambina) e della sua opinione.

Si! Il parere dei futuri inquilini della stanza è fondamentale, soprattutto per individuare lo stile desiderato e per evitare che da un giorno all’altro il piccolo si stufi e inizi a fare i capricci. Per i più piccoli spesso si punta sui colori accesi e divertenti, optando magari per una bella carta da parati a tema, semplice da applicare e da rimuovere non appena saranno più grandicelli. Tra gli elementi d’arredo preferiti dai genitori, ma utili anche ai bimbi, ci sono le grandi scatole destinate a contenere i giocattoli. Sono infatti indispensabili per mettere a posto rapidamente la stanza, ma anche per insegnare al bambino a riordinare le proprie cose.

Esistono poi oggetti capaci di rendere speciale una camera, come le lampade colorate in grado di proiettare sulle pareti fantastici disegni, i divanetti muniti di tanti cuscini, dove il piccolo possa riposarsi al pomeriggio o ospitare gli amichetti, e gli scivoli abbinati ai letti a castello, un modo divertente per scendere di corsa a far colazione.

Ringraziamo Julia Muni per questo prezioso consiglio! In questa pagina trovate il canale video di Julia: https://www.youtube.com/user/vahtangik/videos